SOI YAKSA TREK - Trekking in Bhutan

Respira il Bhutan.. attraversa l'anima di questo meraviglioso paese e della sua gente in un trekking che vi cambierà la vita

RICHIEDI INFORMAZIONI

Dal Al Quota base Prezzo finale Note
01/07/2019 31/10/2020 1610 € 1720 € A persona "a partire da" in bassa stagione

Trekking in Bhutan - SOI YAKSA TREK
9 Giorni - 8 notti

Il clou di questo trekking è la spettacolare vista sul Monte Jomolhari dal campo base. Se hai semplicemente il desiderio di vedere il Monte Jumolhari e Jichu Drake senza arrivare a Lingzhi e ad altri luoghi ad alta quota, Soi Yaksa Trek è giusto per te. Tuttavia anche questo trekking sale ad un'altezza che potrebbe portare sintomi di "mal di montagna". Nessun problema perchè nel caso puoi decidere di tornare indietro al campo base di Jangothang, attraversando il lago turchese di Tshophu (4380 m) e il passo di Bhonte La (4890 m) fino a Drukgyal Dzong.
Tra le varie tappe, il passo Thombu La (4380 m) sarà senza dubbio un momento spettacolare con la vista sull splendida catena montuosa del Kanchenjunga a Sikkim 

1 ° giorno: arrivo in Bhutan
Il volo per Paro è uno dei più spettacolari voli attraverso le più alte montagne del mondo, con un panorama in costante cambiamento.
Il nostro rappresentante vi incontrerà all'aeroporto di Paro. Dopo pranzo si effetueranno alcune visite pomeridiane intorno a Paro, compresa una visita al Museo Nazionale, Ta Dzong. Questo museo ospita molte reliquie religiose, opere d'arte e artigianato che offrono importanti testimonianze del passato storico e culturale del Bhutan. Successivamente, visita al Rimpong Dzong per vedere il dipinto del grande santo Milarepa, considerato il maestro della meditazione dai bhutanesi e famoso per aver raggiunto l'illuminazione in una sola vita. Gli dzong sono grandi monasteri e centri amministrativi distrettuali, che in passato erano fortini strategici. Successivamente, si proseguirà fino al bellissimo ponte in legno a sbalzo ancora in uso..

Pernottamento a Paro

2 ° giorno: Paro - Taksang
Dopo colazione escursione al monastero di Taktsang. Il sentiero è ampio e la camminata di circa 3 ore in salita  vi porterà in alto con una vista mozzafiato sulla valle di Paro. La vista del monastero di Taktsang costruito su una parete rocciosa a strapiombo a 900 metri sopra il fondovalle è uno spettacolo unico. Si dice che il grande Guru Rinpoche sia volato qui sulla schiena di una tigre quando portò gli insegnamenti del Dharma buddhista in Bhutan nell'VIII secolo. Nelle vicinanze c'è un punto ristoro/bar dove ci si può fermare per il pranzo. Nel pomeriggio partenza per le rovine del Drukgyel Dzong del XVII° secolo, un monumento storico costruito dallo Zhabdrung per commemorare la sua vittoria contro gli invasori tibetani nel 1644. Con il bel tempo la vetta imponente del sacro Monte Jomolhari (7314 m) appare come uno splendido sfondo. Sul viaggio di ritorno a Paro, visita il Kyichu Lhakhang, uno dei 108 templi costruiti dal re tibetano Songtsen Gampo. Kyichu è costruito in modo simile al Jokhang di Lhasa, in Tibet.

Pernottamento a Paro

3 ° giorno: Sharna Zampa - Soi Thangthankha
Distanza 22 km 7-8 ore, salita 685 m, discesa 0 m.
Altitudine del campo: 3.750 m.

Trasferimento di 12 km a nord di Paro, oltrepassando le postazioni dell'esercito di Gunitsawa, fino a Sharna Zampa. Il team di trekking vi aspetterà qui. Dopo un breve meeting informativo, seguiremo il sentiero Pachhu (Paro river), salendo e scendendo attraverso boschi di pini, querce e abeti rossi. Dopo 2 ore di trekking attraverso diversi corsi d'acqua, si giungerà a  Shingkharap, una casa in pietra a 3110 m. Un pranzo caldo verrà servito dopo aver attraversato il ponte verso il lato sinistro del fiume. Poco avanti il bivio del sentiero, si percorrerà una vecchia rotta commerciale fino al ponte di legno. Dopo essersi arrampicati tra le foreste di rododendri si raggiungerà l' accampamento a 3750 m, situato su immensi e bellissimi prati.

Giorno 4: Thangthangkha al campo base di Jangothang.
Distanza 19 km 5-6 ore, salita 469 m, discesa 0 m.
Altitudine del campo: 4044 m.

Anche se non è un giorno di trekking estremamente lungo, si giungerà ad un'altitudine elevata ben sopra la linea degli alberi. Dal campo, il sentiero sale per un po' fino a raggiungere il campo militare. Quindi si segue il fiume sopra la linea degli alberi godendo di una vista mozzafiato delle cime circostanti. Attraverso un tratto di sentiero fangoso, oltrepasseremo un muro riportante antiche impronte: da qui si entrerà nella regione degli yak. Un pranzo caldo verrà servito in casa di un pastore di yak. Dopo pranzo, si visiteranno gli insediamenti di pastori yak di Soi e Takethang. Qui la gent elocale vive di coltivazioni di orzo, patate e rape. Si proseguirà poi attraverso l'altopiano per giungere al villaggio di Dangochang per poi finalmente arrivare al campo di Jangothang ad un'altitudine di ben 4.040 m. Da qui, le vedute del Monte Jumolhari e Jichu Drake sono superbe.

GIORNO 5: Acclimatazione e esplorazione di Jangothang.
Giornata dedicata all'acclimatamento con un'escursione di 4 ore dirigendoci verso il nord del campo. Non ci sono praticamente sentieri ma si percorrerà un pendio aperto e infinito con vista sul meravigliso monte Jichu Drake (6989m). È possibile arrampicarsi ulteriormente fino a 4895 m (più alto del Monte Bianco) per vedere la vista straordinaria dal Monte Jumolhari. Qui è molto probabile avvistare rare pecore blu, rabarbaro himalayano, grifoni, aquile reali e il raro papavero blu. La base di Jangothang è una zona erbosa e piatta con una vecchia fortezza in rovina su una collinetta, situata sotto l'imponente Monte Jumolhari e il suo vicino Jichu Drake. Molte persone possono mostrare segni di mal di montagna a questa altitudine e si raccomanda pertanto che tutti i trekker si fermino qui. Se non si desidera fare un'escursione ci si potrà semplicemente rilassare al campo: qualunque sia l'opzione che sceglierete, sarà sicuramente una giornata memorabile.

GIORNO 6: Jangothang a Dhumzo attraverso il lago Tshophu (4380 m) e il passo Bhontela (4890 m).
Distanza 16 km, 6-7 ore
850 m in salita, 1090 m in discesa.
Altitudine del campo: 3800 m.

Il sentiero ci condurrà verso nord fino all'ultimo insediamento della valle, per poi riscendere verso il fiume Paro Chhu.  Si continuerà fino al lago turchese di Tshophu (4380 metri), famoseo per essere abitato dalle anatre dal guscio rosso. Dopo aver superato un pendio e percorso un crinale, vi imbatterete in un secondo lago. Si scenderà poi attraversando una valle nascosta per risalire ripidamente verso Bonte La a 4890 m, il punto più alto del trekking con una splendida vista sulle montagne di Basingthang (5500 m) e Chatarake (5570 m). Attraverseremo i sentieri di yak fino al Dhumzo Chhu, e dopo aver camminato a valle, arriveremo al nostro campo a 3800 metri.

7 ° giorno: da Dhumzo a Thombu Shong.
Distanza 11 km, 4-5 ore
720 m in salita, 340 m in discesa.
Altitudine del campo: 4180 m.

Il sentiero di oggi sale oltre 100 metri percorrendo un crinale, per poi scendere verso un torrente e verso una collina ed immergersi così in una piccola valle laterale. Qui il percorso prosegue verso sud, incontreremo alcune capanne e proseguiremo verso Takhung La (4520 m). Una breve discesa ci condurrà fino a Thombu Shong (4180 m) dove vive qualche pastore di yak.

8 ° giorno: Thombu Shong a Gunitsawa
Distanza 13 km, 4-5 ore
200 m di salita, 1650 m di discesa.

Oggi proseguiremo il nostro trekking attraverso splendide foreste di rododendri per poi giungere a Thombu La a 4380m. Quando il tempo è sereno, è possibile godere di una meravigliosa vista sul Monte Jumolhari, Jichu Drake, Teri Kang e anche sul Passo Kanchenjunga. Il sentiero scende quindi gradualmente fino a circa 4000 m, costeggiando il celebre crinale della strega, per raggiungere infine l'eliporto di Gunitsawa (2730 m) dove l'auto vi aspetterà.

Ritorno a Paro.

9 ° giorno: Partenza
Dopo la prima colazione in hotel, trasferimento in aeroporto in tempo utile per il vostro volo

SPECIFICA QUOTE
BASSA STAGIONE: gennaio, febbraio, giugno, luglio, agosto, dicembre
Quote a persona in Bassa Stagione: a partire da euro 1610

ALTA STAGIONE: marzo, aprile, maggio, settembre, ottobre, novembre
Quote a persona in camera doppia in Alta Stagione: a partire da euro 2010


La quota comprende:

  • soggiorno in strutture 3 stelle e camp per 8 notti
  • trattamento pasti da programma
  • guida parlante Inglese (Italiano su richiesta con supplemento) per tutto il tour
  • auto/minivan a disposizione per tutto il tour
  • assistenza - assicurazione medico bagaglio
  • quota d'iscrizione
  • tasse incluse
  • visto

La quota non comprende:

  • Voli dall'Italia (RICHIEDETECI LA MIGLIOR QUOTAZIONE DISPONIBILE AL MOMENTO)
  • mance (circa 10 USD al giorno)
  • adeguamento valutario
  • tutto quanto non espressamente specificato ne "la quota comprende"

SU RICHIESTA:
Quotazione di una guida parlante Italiano (Si ricorda che le guide parlanti Italiano in Bhutan sono molto poche, pertanto i supplementi sono abbastanza "importanti")